Il pane sotto la neve di Vanessa Navicelli- recensione

 

Una saga che appassiona e che ci porta nei tempi duri degli anni della guerra, del Ventennio ma anche della semplicit√† delle cose vere, tradizionali e naturali. La famiglia, con la F maiuscola, i legami, la passione e il popolo, genuino e sano. Sono questi gli ingredienti del romanzo “Il pane sotto la neve” che l’autrice Navicelli realizza tramite una scrittura fluida ed efficace, cogliendo ogni singolo particolare dell’epoca.
Tino e Cesira, Rosa ed Emma e il focolare familiare. La casa vista come rifugio indiscusso e “sano”, dove nulla poteva fare del male, era un grande abbraccio collettivo di speranza e di pace.
Una storia che prende subito, arrivando dritta al cuore come pochi sanno fare.

 

Qui il link d’acquisto

Precedente Il grande Capitano - recensione Successivo Vuoto a perdere - recensione